La formazione consiste in un corso per operatori della durata di 50 giorni, formulato per individui che intendono diventare terapisti craniosacrali qualificati. L’approccio del training è biodinamico, orientato alla saggezza naturale del corpo, e permette ai processi intelligenti innati di emergere e produrre un cambiamento autentico. Tali cambiamenti sono di natura fisiologica e psico-emozionale. Si ascoltano le priorità personali del corpo in relazione al cambiamento e si incoraggia la manifestazione. L’arte del terapista consiste nel connettersi con le forze sottostanti della salute e facilitare un processo di naturale riorganizzazione. Tali forze si esprimono come un sottile movimento dei tessuti e fluidi che può essere percepito da mani sensibili. L’approccio alla guarigione della terapia craniosacrale biodinamica è sistemico e caratterizzato dalla profonda considerazione per l’interconnessione tra mente, corpo e spirito. .

Il corso offre:

  • Un esperto team di tutor in grado di creare uno spazio di apprendimento aperto ed esplorativo
  • Una ottima proporzione tra studenti e tutor, che produce dinamiche di gruppo positive e solidali
  • Capacità di apprezzare la natura olistica dell’esperienza umana
  • Feedback e supervisione chiari e sensibili
  • Ambiente di crescita individuale in situazione di sicurezza
  • Enfasi sullo sviluppo di operatori competenti e di successo

Intento del training

L’intento del training è dare luogo a un processo formativo ed evolutivo personale, al fine di creare operatori di eccellenza. Il training è approfondito e completo e rende onore sia alle radici classiche tradizionali della disciplina, che ai recenti sviluppi in questo campo. L’enfasi è posta sullo sviluppo delle capacità di palpazione, percezione e trattamento che l’operatore in formazione integra nell’ambito di un processo graduale. Il corso è progettato in modo che l’informazione e le competenze acquisite in ciascun seminario siano apprese a vari livelli e riprese durante i seminari successivi. Una serie di elementi si ripresenta nell’ambito di tutto il corso e crea la base per la buona riuscita della pratica: capacità di contatto e trattamento, comprensione degli aspetti clinici, gestione del lavoro e sviluppo personale. L’obiettivo del training consiste nel facilitare l’operatore in formazione nell’applicazione delle competenze e della teoria alla pratica della terapia craniosacrale su persone reali, con problemi e patologie reali, per fornire un trattamento efficace in condizioni di sicurezza. Di seguito alcune delle competenze fondamentali che apprenderete durante il corso.

Competenze nella palpazione

Per riuscire a percepire i movimenti e le qualità sottili del corpo è necessario sviluppare un elevato livello di sensibilità. A questo fine il corso pone l’enfasi sulle esperienze di consapevolezza corporea e la comprensione dell’anatomia attraverso le esperienze personali. Si apre in questo modo una possibilità di diventare maggiormente consapevoli, si crea la capacità di differenziare tessuti e strutture nel proprio corpo e infine in quello del cliente. Il corso include quindi l’anatomia come strumento per incrementare la consapevolezza corporea.

Capacità percettive

Apprenderete a percepire il corpo ai vari livelli di organizzazione - fisico, fluido e energetico – e a osservare lo svolgersi del processo corporeo tra uno stato e l’altro. Questo permette all’operatore di avere una capacità di percezione fluida e mobile e di vedere il corpo e il mondo con occhi diversi.

Capacità di contatto

Si impara come accedere alla sensibilità delle mani in modo da poter percepire profondamente il corpo, creando un contatto di invito basato sulla spaziosità. Si apprende una modalità di tocco che crea una relazione olistica, nella quale strutture remote emergono alla consapevolezza delle mani insieme al riconoscimento della continuità e connessione dei tessuti e fluidi corporei.

Competenze per il trattamento

Si apprende l’arte di interagire con clienti diversi e con le relative esigenze, come lavorare con le diverse situazioni che emergono nello spazio del trattamento. Come gestire le espressioni traumatiche in modo competente e in sicurezza.

Comprensione degli aspetti clinici

Apprendere come agire da operatore con consapevolezza di sé stessi e del cliente (good judgement). Essere equilibrati e sensibili nell’approccio alle varie patologie. Acquisire una buona capacità di valutare il cambiamento verso uno stato di salute migliore e di individuare gli schemi di base.

Gestione dell’ambiente di lavoro e sviluppo personale

Apprendere come organizzare il proprio lavoro come terapista professionale e ottenere buoni risultati. Lavorare in modo etico e impegnarsi allo sviluppo continuo delle competenze.

Anatomia esperienziale

Per riuscire a percepire i movimenti e le qualità sottili del corpo è necessario sviluppare un elevato livello di sensibilità. A questo fine il corso pone l’enfasi sulle esperienze di consapevolezza corporea e la comprensione dell’anatomia attraverso le esperienze personali. Si apre in questo modo una possibilità di diventare maggiormente consapevoli e si crea la capacità di differenziare tessuti e strutture nel proprio corpo e infine in quello del cliente. Il corso include quindi l’anatomia come strumento per incrementare la consapevolezza corporea.

Nel caso che non abbiate una precedente competenza o formazione in campo anatomico, o se la vostra competenza anatomica è scarsa, possono essere necessari studi aggiuntivi di anatomia e fisiologia, per esempio accedere alla formazione Living Anatomy o compiere gli studi aggiuntivi integrandoli con il programma di studio personale a casa previsto dal corso. Questo vi consentirà di ottenere una visione più ampia dei processi fisici del corpo e di conseguire il diploma. Gli enti di accreditamento del training richiedono un minimo di 80 ore di studio.

Processo di apprendimento

La formazione si articola in dieci seminari della durata di cinque giorni, nell’arco di due anni. Tale periodo di tempo è necessario per permettere lo sviluppo degli strumenti di base attraverso l’esercizio regolare della pratica. I seminari sono esperienze di forte impatto e consistono in un insieme di insegnamenti verbali, discussioni, approfondimenti in piccoli gruppi e pratica manuale. Lo sviluppo delle competenze pratiche è basato sulle personali esplorazioni e esperienze del lavoro da parte dell’operatore in formazione, supportato dalla supervisione dei tutor. La terapia craniosacrale biodinamica è una pratica orientata al processo in corso e richiede che gli operatori siano in grado di lavorare con i propri schemi somato-emozionali e con quelli dei clienti. L’ascolto profondo offerto nella terapia permette alle esperienze trattenute di emergere sotto forma di processi corporei e mentali. Le sessioni di contatto durante i seminari faranno naturalmente emergere i vostri schemi più profondi, con una conseguente trasformazione personale. Si tratta di una esperienza di apprendimento essenziale per diventare un terapista. La comprensione più profonda del lavoro emerge in gran parte dalle fasi esperienziali durante il corso. È necessario continuare tale processo negli intervalli tra i seminari mediante trattamenti personali in coppia per tutta la durata del corso.

Studio e pratica

La formazione include esercitazioni da svolgere a casa costituite da un insieme di letture, scritti e pratica manuale. Gli scritti e i verbali delle sessioni aiutano voi stessi e il team dei tutor a capire i vostri progressi. Gli scritti includono anatomia, filosofia e materiale clinico orientati alla biodinamica craniosacrale. Il training provvede una valutazione continua con regolari feedback relativi alla vostra comprensione e competenza. Al termine del primo anno è previsto un programma di autovalutazione per aiutare a chiarire qualsiasi area di incertezza. Nel secondo anno è previsto un programma di studio di casistica che viene offerto per aiutare a sviluppare la vostra comprensione dei processi di pratica e trattamento. È disponibile inoltre su base regolare il feedback con sovrapposizione delle mani ai lettini e la possibilità di sovrapporre le vostre mani su quelle dei tutor. Verranno fornite dispense complete sul corso per supportare il processo di apprendimento.

Norme Standard

Enti di accreditamento

Una volta completata con successo la formazione di base (Foundation Training) sarete certificati come operatori di terapia craniosacrale biodinamica. La formazione è accreditata da enti professionali a livello mondiale.

Affiliazione

La formazione è affiliata all’International Affiliation of Biodynamic Trainings (IABT), una affiliazione di scuole che operano in accordo a una serie di standard concordati in merito ai corsi di Terapia Craniosacrale Biodinamica. Le scuole associate offrono la designazione BCST (Terapista in Biodinamica Craniosacrale) ai diplomati del proprio corso base, oltre a una designazione avanzata ABD (Advanced Biodynamic Diploma) indicante il completamento di ulteriori 300 ore di training. Per ulteriori informazioni su ABD click here.

Diploma e designazione professionale

Una volta completata con successo la formazione di base gli studenti riceveranno il Diploma in Terapia Craniosacrale Biodinamica e l’autorizzazione a utilizzare la designazione BCST. In seguito alla registrazione con una associazione professionale Craniosacrale il diplomato sarà autorizzato a utilizzare la designazione RCST.

Quali elementi differenziano questo corso da altri corsi BCST

  • Un approccio più neutrale alla respirazione primaria. La respirazione primaria non va ricercata, bensì se ne permette la manifestazione. L’operatore acquisisce la capacità di riconoscere e percepire in sé stesso tutti gli stati della respirazione primaria e questo porta a una risposta più inerente da parte del sistema. Il corpo non è fissato, o sottilmente trattenuto dall’intenzione dell’operatore, su determinati sviluppi della respirazione primaria.
  • Forte orientamento all’esercitazione esperienziale come strumento per conoscere e percepire in sé stessi l’approccio. Tali esercitazioni sono una parte necessaria del lavoro a casa e gli studenti sono incoraggiati a ripeterli fino ad acquisire familiarità con l’anatomia “felt sense” (sensazione significativa).
  • L’impulso Ritmico Craniale (CRI)è pienamente riconosciuto come espressione della salute e il corso include lo studio delle capacità percettive del CRI.
  • Il corso è caratterizzato da un ascolto neutrale dell’operatore consapevole (embodied) che riconosce la risposta inerente del sistema del cliente e la sua naturale capacità di riorganizzarsi dall’interno. La capacità dell’operatore di rapportarsi, riconoscere e denominare ciò che emerge è l’elemento chiave affinché il corpo proceda ai propri cambiamenti. La capacità consiste nella chiarezza percettiva.
  • Gli stillpoint non vengono indotti bensì sono espressioni naturali che emergono durante il processo di trattamento e sono tentativi del sistema di connettersi alla quiete dinamica. L’operatore costituisce in sé stesso il rapporto con la quiete.
  • Sviluppo della capacità di rapportarsi contemporaneamente a tutti i campi percettivi, ome a una gamma di spazi in primo piano e di sfondo, nei quali il sistema corporeo del cliente attua la trasformazione. La capacità dell’operatore di rapportarsi agevola i cambiamenti tra stati.
  • Gli stati di equilibrio sono meccanismi naturali di riorganizzazione definiti nella fase embrionale precoce, quando le cellule si sono orientate al 3D. I movimenti in un processo di stato di equilibrio sono derivati da questo.
  • Il campo relazionalepermette la naturale elaborazione del trauma. La capacità degli operatori di stabilire il campo e di essere osservatori empatici in quiete è uno strumento di grande forza per la risoluzione del trauma, associata a una serie di competenze verbali specifiche.

Creare “operatori di eccellenza”

L’intento del training è dare luogo a un processo formativo ed evolutivo personale, al fine di creare ‘operatori di eccellenza’.

  • Affinare a lungo le vostre capacità di contatto craniosacrale fino a diventare estremamente sensibili e perspicaci
  • Apprendere come entrare in contatto con la salute intelligente nel corpo del cliente (e nel vostro)
  • Ascoltare con precisione, essere in grado di comprendere che cosa sta presentando il corpo del cliente (e analogamente il vostro).
  • Capacità di passare dal livello fisico, all’emozionale e all’energetico
  • Sviluppare una competenza verbale atta a descrivere al cliente ciò che sta avvenendo

Per aiutarvi a realizzare questi obiettivi il corso prevede molto feedback dei tutor durante la pratica ai lettini. I tutor porranno le loro mani su quelle degli operatori in formazione mentre sono in contatto con un collega studente sui lettini di trattamento. Il tutor si inserisce nella sessione e fornisce un feedback. Il corso prevede anche la possibilità per gli studenti di porre le loro mani su quelle dei tutor e di ricevere feedback in merito alle proprie capacità di contatto. Gli studenti potranno anche porre le proprie mani su quelle del tutor, mentre lo stesso esegue un trattamento e spiega che cosa percepisce. Sono previste molte occasioni di lavorare con i colleghi studenti e si raccomanda di lavorare con persone diverse in modo da sperimentare la diversa risposta delle persone alla terapia.

Il corso prevede inoltre molte opportunità per imparare a interagire con le espressioni traumatiche. Il corpo può esprimere il trauma in vari modi: gli sfoghi emozionali sono frequenti, quindi in molte sessioni si possono presentare crisi di pianto, accessi di rabbia e agitazione. La fisiologia corporea passa in modalità fuga-attacco, quindi il cuore inizia a battere in modo accelerato, la respirazione diventa affannosa e talvolta emergono sensazioni di panico o ansia. Si possono verificare tremori di varia natura, o il cliente può provare sensazioni di freddo e entrare in stato di shock. Sono segnali che il corpo sta cercando di risolvere uno schema esperienziale. La terapia craniosacrale biodinamica crea uno spazio relazionale molto sicuro ed efficace per l’elaborazione del trauma.

Il training è approfondito e completo e rende onore sia alle radici classiche tradizionali della disciplina, che ai recenti sviluppi in questo campo.

Radici classiche tradizionali:

  • Linea mediana fluida
  • Movimento a tensione reciproca
  • Imparare a percepire la Marea e il movimento craniosacrale delle strutture corporee
  • Stati di equilibrio (stati di tensione bilanciata)
  • Differenziazione dei tessuti, fluidi e potenze
  • Respiro della vita
  • Punti di quiete come esperienza di riposo profondo

Nuovi sviluppi:

  • Maree più profonde e più lente
  • Contatto leggero e sensibile
  • Concetto di linea mediana primaria e paradigma energetico
  • Schemi corporei unitari
  • Livelli di quiete
  • Operare con un piano di trattamento intrinseco
  • Maggiore sottigliezza del contatto e concetti di campi percettivi
  • Approccio meditativo maggiormente interiore
  • Operatore come testimone
  • Maggiore orientamento alle forze biodinamiche della salute